migriamo… ma niente paura!!!

Buona sera followers ^_^

entro l’inizio della prossima settimana migreremo completamente sul nostro nuovo dominio www.letazzinediyoko.it !

Non cambierà niente, ci spostiamo per motivi puramente tecnici. Un primo passo per espanderci sempre di più!

Tutti i contenuti di questo dominio sono già in larga parte stati spostati e resi operativi nelle diverse sottosezioni del nuovo blog …e quelli che ancora non ci sono saranno spostati a breve per rendere il tutto completamente operativo entro l’inizio della prossima settimana. logo del blog le tazzine di yoko

Anteprima di maggio: Cercami ancora di Emma Chase

Dopo il successo di lettori di “Non cercarmi mai più (ma resta ancora un pò con me)” è in arrivo il secondo romanzo della serie Tangled!

Le frasi taglienti e l’ironia irriverente di Emma Chase tornano il 22 maggio con un libro che promette di far concorrenza al precedente, eletto su Goodreads miglior esordio del 2013.
Se Drew Evans ha fatto impazzire le lettrici, ora è il momento di ascoltare la storia dal punto di vista della sua amata Kate. Il romanzo parte male, dopo due anni in cui la coppia Drew e Kate ha fatto faville siamo purtroppo giunti al punto di rottura. Di per se solo leggere un inizio del genere mi fa torcere le budella e mi fa passare la voglia di leggerlo, ma poi penso “credete davvero che la Chase intenda lasciare a bocca asciutta le sue lettrici?“. E allora non ci resta che stare a vedere come senz’altro le sorti della coppia si risolleveranno… preparandoci a leggerne di tutti i colori!

nel piattino abbiamo: 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko contemporaneo / 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko romance

cercami ancora sul blog le tazzine di yokotwisted - le tazzine di yoko
Cercami ancora

(Twisted)
Emma Chase
Newton Compton Editori
pagine 320 (uscita 22 Maggio 2014)
€ 9,90 – € 4,99 ebook

 
TRAMA DELL’EDITORE
Innamorarsi è facile, ma restare insieme lo è un po’ meno. Possono esserci guai anche in paradiso e, a sentire Kate, questo è il motivo per cui lei e Drew, dopo uno scoppiettante inizio, si trovano a dover “rinegoziare” la loro relazione. Al mondo ci sono due tipi di persone: quelle che osservano e quelle che partono all’attacco. Kate è sempre stata un’osservatrice, una che pianifica, che agisce con prudenza. Ma da quando ha conosciuto Drew Evans tutto è cambiato. Lui si è dimostrato così deciso e sicuro di sé… e soprattutto della sua scelta, di Kate. Pensavate che lei e Drew sarebbero andati mano nella mano incontro a un romantico futuro? Be’, lo pensava anche Kate. Invece adesso si trova a dover fare una scelta, la più importante della sua vita. Drew ha cercato di decidere per entrambi, ma non è nello stile di Kate lasciarsi dominare. Così è tornata a casa sua, da sola. O quasi… Dopo due anni dalla fine della loro storia, Kate è giunta a una conclusione: qualche volta si deve tornare al punto di partenza per poter andare avanti, perché le cattive abitudini sono dure a morire…

Può un libro romantico e sensuale far ridere in modo irrefrenabile?

trilogia Tangled

  1. Non cercarmi mai più (Tangled)
    1.5 Dimmi di si (Holy Frigging Matrimony)
  2. Cercami ancora (Twisted)
  3. Tamed

State già scalpitando aspettando la nuova uscita?? 😉

Captain America – The Winter Soldier …il film!

Salve a tutti,
eccomi a recensire il nuovo film di Capitan America che è ancora nelle sale 😉
(presenti alcuni spoiler!!!!)

Captain-America-Winter-Soldier-poster-le tazzine di yokoCaptain America
– The Winter Soldier –

casa di produzione: Marvel Studios
regia: Anthony e Joe Russo

il mio voto è di: tazzina pienatazzina pienatazzina pienatazzina quasi pienatazzina vuota

Il film riprende le vicende da dove si erano interrotte nel precedente capitolo, l’affascinante Steve Rogers continua a lavorare per lo S.H.I.E.L.D e, a quanto pare, è quasi riuscito a mettere ordine nella propria vita.

Il Capitano si era risvegliato, alla fine dello scorso film, nella nostra epoca dopo aver passato circa settant’anni ibernato. Nonostante questo il film ci presenta un capitano Rogers ormai integrato, senza approfondire molto i suoi sentimenti. Proprio all’inizio del film, Rogers fa amicizia con un veterano di nome Wilson che incontra mentre si allena. Il nostro capitano lavora ancora per lo S.H.I.E.L.D ed infatti viene presto richiamato per salvare una nave da alcuni pirati algerini guidati. A bordo, Steve scopre che l’agente Natasha (la Vedova Nera) mentre preleva dei file dai computer della nave. Il Capitano, che non sapeva nulla della missione della donna, non è affatto contento del trattamento ricevuto dallo S.H.I.E.L.D

Del resto, Rogers era abituato all’esercito dove aveva la propria squadra e le sue missioni sotto controllo, avere altri che trio-le winter soldier-le tazzine di yokointerferiscono col suo lavoro, proprio non gli piace. Al quartier generale dell’agenzia, Nick Fury, (il simpaticone senza un occhio) mostra a Rogers il progetto Insight: tre helicarrier collegati a satelliti spia e progettati per prevenire qualsiasi tipo di minaccia. E già qui si può facilmente intuire il pericolo che rappresentano. In tutti i film, che siano di supereroi o di fantascienza, quando viene costruita una tecnologia per “prevenire” le minacce, state tranquilli che finirà male.

Rogers va poi a trovare un’anziana Peggy Carter (la donna di cui era innamorato e con la quale stava allacciando una relazione prima di finire congelato), in una casa di riposo. Questo è uno dei pochi momenti del film in cui viene messo in luce quello che Rogers ha perso a causa dell’ibernazione: gli amici, i parenti, la donna che amava. Mi ero aspettata una riflessione più profonda su queste “perdite” mentre tutto quello che sembra provare Rogers è solo un pò di malinconia…

Captain-America-The-Winter-Soldier-The-Winter-Soldier-le tazzine di yokoIl film lascia poco spazio ai sentimenti e rivela ben poco della vita privata di Rogers, non sembra che il capitano sia riuscito a farsi molti amici, tranne il compagno di corsa Sam Wilson. Comunque, ben presto la storia precipita: Fury viene attaccato da dei poliziotti e da un misterioso killer chiamato “il Soldato d’inverno” riesce a salvarsi solo grazie a una fuga rocambolesca con macchine lanciate a velocità folli, spari, armi di ultima generazione, insomma un inseguimento degno del miglior film d’azione. Il povero Fury pensa bene di nascondersi da Rogers qui i due vengono attaccati, Fury riesce a consegnare al soldato una chiave USB , dal misterioso contenuto, prima di venire colpito a morte dal Soldato d’Inverno. Rogers si getta all’inseguimento dell’assassino mentre la sua vicina di casa (interpretata dalla bravissima Emily Vancamp) rivela di essere l’Agente 13 dello S.H.I.E.L.D e, tra lei e Rogers … diciamo che c’è interesse.

Ovviamente, Captain America, aiutato da Natasha, e poi anche dall’amico Wilson, cerca di scoprire cosa c’è nella pendrive così si ritrova nel suo vecchio campo d’addestramento e, ben presto, una tremenda verità verrà a galla. L’HYDRA, la terribile organizzazione criminale fondata dal barone nazista Wolfgang Von Strucker, non è affatto scomparsa ma, anzi, in tutti questi anni si è infiltrata nello S.H.I.E.L.D.

Mossa senza dubbio interessante, il Capitano dovrà capire di chi può davvero fidarsi e chi sono i membri dell’HYDRA infiltrati agente 12-le tazzine di yokonello S.H.I.E.L.D senza contare che avrà a che fare con il Soldato d’Inverno che si rivelerà essere una sua vecchia conoscenza…

Il film chiude il problema dell’infiltrazione dell’HYDRA nello SHIELD, tuttavia, il Soldato d’Inverno è ancora libero e la pellicola finisce con Captain America e l’amico Wilson che decidono di dargli la caccia… riusciranno a salvarlo? O dovranno ucciderlo?

Come sempre, quando il film sembra finito… ecco che c’è una piccola chicca che anticipa, credo, il prossimo film Marvel.

In una scena durante i titoli di coda il malvagio Barone discute dei piani dell’HYDRA con alcuni soldati. Il Barone possiede lo scettro di Loki (come cavolo lo ha avuto?) e tiene prigionieri due gemelli: uno si muove ad una velocità incredibile, l’altra ha dei poteri telecinetici; si tratta di Quicksilver e Scarlet. Mi sono informata e, anche questi due, fanno parte dell’universo Marvel e hanno… una storia intricatissima, chissà forse li vedremo nel prossimo film?

Nel complesso è un buon film, ogni tanto avrei gradito qualche momento in più di calma e qualche “spiegazione” in più perchè credo di essermi persa qualcosina, anche un pò di approfondimento in più su alcuni personaggi non avrebbe guastato.

Recensione: Anime Legate di Richelle Mead

Ciao a tutti!
Ho finito di leggere Anime Legate di Richelle Mead, quinto libro della serie dell’Accademia dei Vampiri.

la serie de L’Accademia dei Vampiri

  1. L’Accademia dei Vampiri (Vampire Academy)
  2. Morsi di Ghiaccio (Frostbite)
  3. Il Bacio dell’Ombra (Shadow Kiss)
  4. Promessa di Sangue (Blood Promise)
  5. Anime Legate (Spirit Bound)
  6. L’Ultimo Sacrificio (Last Sacrifice)

nel piattino abbiamo: paranormal croassant - le tazzine di yoko / romance ciambella - le tazzine di yoko / contemporaneo torta - le tazzine di yoko

anime legate coverAnime Legate – L’Accademia dei Vampiri

(Spirit Bound)
Richelle Mead
edito da Rizzoli (29 Gennaio 2014)
pagine 625
€ 14.90

TRAMA DELL’EDITORE
Dopo un lungo e straziante viaggio nel luogo di nascita di Dimitri in Siberia, Rose Hathaway è finalmente tornata dalla sua migliore amica, Lissa. Il diploma è vicino, e le ragazze non vedono l’ora che inizi la loro vita reale al di là dei cancelli dell’Accademia. Rose soffre ancora per Dimitri: sa che lui è la fuori, da qualche parte. Non è riuscita ad ucciderlo quando ne ha avuto l’occasione, ed ora le sue peggiori paure stanno per diventare realtà: Dimitri ha assaggiato il suo sangue e le sta dando la caccia. Non si darà pace fino a quando non saranno uniti per sempre.

RECENSIONE DI VALY:
tazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzina vuotatazzina vuota
Una lettura non “bella”, ma comunque con qualcosina di piacevole… tre tazzine tonde tonde.
(per me la serie presa nella sua interezza è da quattro tazzine ma questo romanzo, in linea con le azioni di Rose, è troppo folle e sconsiderato per averne più di tre)

Dimitri, sempre Dimitri. Dimitri, l’uomo che avevo amato. Lo Strigoi che volevo salvare. Il mostro che avrei dovuto uccidere.”

Questa citazione tratta dal libro la trovate già sul retro della cover e devo fare proprio i complimenti a chi l’ha scelta, perché rappresenta benissimo l’essenza di Anime Legate, il suo nucleo principale, ossia l’ossessione di Rose per Dimitri. Non c’è pagina del libro in cui la malsana ossessione della dhampir per lui non esca fuori dirompente, mettendo in cattiva luce il personaggio di Rose. Ma partiamo con ordine. Vi potrei spiegare in pochissime righe che cosa succede nel quinto volume dell’Accademia dei Vampiri nonostante si stia parlando di un romanzo da seicento e passa pagine, alla fine la storia ha più o meno il seguente andamento: indexRose riceve lettere poco simpatiche da parte di Dimitri; ora che il guardiano è diventato uno Strigoi pare che il suo divertimento maggiore, oltre ad ammazzare gente, sia importunare la sua ex.

Se devi morire che sia per mano mia e di nessun altro. Non esiste un solo posto al mondo dove potrai nasconderti da me. Ti osservo”.

Dimitri si comporta da stalker e da killer, uno da far concorrenza a quelli dei thriller/horror che si vedono spesso alla tv. E’ inquietante! Ma Rose no, non la pensa così. Pensa di pensarla così, ma invece non vede l’ora di fronteggiare il suo fascinoso ex, ora diventato un pericoloso non morto, solo per poterlo rivedere. Si racconta delle frottole, si raccomanda di doverlo uccidere, ma dentro di sé i ricordi del loro rapporto d’amore andato poi in frantumi sono ancora vivi e la dhampir nutre speranze, nonostante la situazione si presenti alquanto disperata. Le speranze di Rose diventano più reali non appena la ragazza apprende che qualcuno è riuscito a riportare indietro uno Strigoi, facendolo tornare umano, dhampir o quello che era prima della trasformazione ed evitandone quindi l’uccisione. La notizia per lei è come un rivitalizzante.
Rose passa infatti dalla depressione all’euforia e all’azione nel giro di poco tempo.
Non si era mai visto uno Strigoi smettere di essere Strigoi tornando normale, una sola persona sostiene di aver assistito a un miracolo del genere, ma per saperne di più Richelle Mead - Vampire Academy seriesRose deve prima andare da Victor Dashkov, un criminale che aveva fatto del male alla sua migliore amica Lissa nei libri precedenti, per liberarlo, perché proprio lui potrebbe aiutarla a rendere quella meravigliosa voce di corridoio un qualcosa di concreto. Rose, dopo aver preso parte alla cerimonia ufficiale per diventare un guardiano a tutti gli effetti, elabora un piano strampalato ma efficace per far evadere Victor Dashkov dalla prigione e ottenere le informazioni che le servono per salvare Dimitri.

Il suo piano da completa fuorilegge funziona e la dhampir raggiunge ciò che vuole: viene a sapere che per salvare uno Strigoi occorrono un Conoscitore dello Spirito e un paletto imbevuto di Spirito. Rose non è messa poi così male: ha ben due Conoscitori dello Spirito vicini a lei, la sua migliore amica Lissa e il suo ragazzo Adrian. Un paletto lo si trova facilmente. Lissa è ancora in lite con il suo ex, Christian, lui però potrebbe aiutarla a diventare tanto abile da fronteggiare uno Strigoi per colpirlo col paletto super potente, mentre Adrian per Rose farebbe di tutto, anche contribuire a riportare indietro il suo rivale. O Lissa o Adrian, uno dei due rappresenta la salvezza di Dimitri. Il rapporto di amicizia tra Rose e Lissa è molto buono anche in questo quinto volume; il rapporto tra Rose e Adrian è invece decisamente traballante. I due finalmente si sono fidanzati, dopo gli scorsi libri carichi di tensione sessuale e di battutine; Adrian è cotto di Rose, vampire-academy-zoey-deutch-dimitrima lei ne è solo attratta poiché prova ancora dei sentimenti forti per il suo ex, Dimitri.

Il ricordo del suo primo amore ormai perduto la fa trattare male Adrian in più di una occasione, anzi, per quasi tutto il libro e lui si arrabbia ma infine è sempre lì a starle accanto. Da fan dichiarata di Adrian fin dalla sua prima comparsa, l’atteggiamento di Rose in Anime Legate mi è sembrato inaccettabile e fastidioso. Prima che compaia il famoso paletto di Spirito, Rose vuole uccidere Dimitri ma poi insomma non ce la fa, lascia che egli uccida degli innocenti lì davanti a lei e si giustifica con “E’ stato uno sbaglio. Con Dimitri…un momento di debolezza. Ho violato tutte le regole che mi sono state insegnate, lo so.” Mahh cara mia, hai qualcosa che non va? No, perché Dimitri andava ucciso lì. Quello che voglio dire, in sintesi, è che Rose in questo libro perde punti, vi è una disfatta del suo personaggio. Sulla carta è un guardiano saggio, combattivo ed esperto, ma in realtà è una ragazzina debole che va dietro soltanto a una cosa: Dimitri e il suo folle amore per lui. Sembra una teenager con gli occhi a forma di cuore che non appena sente nominare Dimitri o lo incontra non capisce più nulla e va in tilt. La ragazza è caduta in un tunnel e per uscirne, si sa, è dura. Per dimenticare l’uomo del passato, si butta tra le braccia di un altro, in questo caso il povero Adrian che è seriamente innamorato di lei. Come distruggere un bel personaggio, insomma!
vampire_academy_wallpaper__by_emmanathalie-d2xb076

Anime Legate si concentra sul lato amoroso delle vicende dell’Accademia dei Vampiri ma lo fa in malo modo, allungando il brodo. La scrittura della Mead è scorrevole e la serie merita, ma questo volume l’ho trovato insensato, un lungo escamotage per tenere in vita un personaggio importante della storia e basta. A fine lettura, mi sono rimasti cinque  elementi chiave del romanzo: 1) Rose è paurosamente in fissa per Dimitri, le piace prendere in giro gli altri ragazzi (Adrian in sto caso) e peggiora di pagina in pagina; 2) Esiste un modo per guarire uno Strigoi; 3) Lissa e Christian si amano ancora. 4) Tornano in ballo gli Alchimisti. 5) Abe, il padre di Rose, non si sa bene come inquadrarlo.
Considerato lo shoccante avvenimento finale di Anime Legate, la Mead deve aver anticipato i miei pensieri sul libro e cercato di rimediare.

porta le tazzine nel tuo blog/sito

le tazzine di yoko

le tazzine di yoko

le tazzine di yoko

logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko
logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi gli darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.


le immagini delle tazzine

...e dei dolciumi presenti all'inizio di ogni post sono fatte dalla sottoscritta o prese online e risistemate a photoshop per dargli un tocco personale. Molte vengono da Deviantart, ci tenevo a scriverlo in mancanza della possibilità di scrivere i nomi di tutti gli autori.

le amiche tazzine



banner la bella e il cavaliere su le tazzine di yokobanner romanticamente fantasy su le tazzine di yokobanner ombre angeliche su le tazzine di yokobanner reading at five o'clock su le tazzine di yokobanner dusty pages in wonderland su le tazzine di yokobanner della saga wolves su le tazzine di yokobanner de La sabbia delle streghe su le tazzine di yokobanner del blog due di cuori su le tazzine di yokobanner de il diario di teresa su le tazzine di yokobanner bottega editoriale  su le tazzine di yoko