Mi piace questa squadra 16 dei SEAL!

Il bello di avere un blog nato da poco è il poter spaziare tra tantissimi libri e manga da recensire, ho giusto l’imbarazzo della scelta.

Oggi sono in vena di thriller quindi perchè non tirare fuori dal cassetto la serie Troubleshooters della Brockmann?!
La suddetta serie è uscita nel nostro paese un pò a spizzichi e bocconi, essendo essa pubblicata in Italia solo per due numeri… usciti per altro in ordine del tutto casuale.
I vari romanzi che la compongono (sono taaaaanti) seguono le vicende dei componenti della squadra 16 dei SEAL, dai fisici allenati e dalla mente pronta.

nel piattino abbiamo: contemporaneo torta - le tazzine di yoko / giallo pasticcino - le tazzine di yoko / romance ciambella - le tazzine di yoko

Ad Alto Rischio

Hot Target
Suzanne Brockmann
edito da Fanucci
(novembre 2008)
 
 

Una lettura che decisamente sfora le 4 tazzine, non da cinque… ma da quattro e un po’.

Ok, la Fanucci ha fatto zapping in questa serie e ha pubblicato prima il decimo e poi l’ottavo, ma se la casualità cade così, beh, non è mica male. Ad alto rischio ha tutti i presupposti per essere un thriller servito a caldo, dove sparatorie, pazzi invasati e spietati seal vanno a braccetto con suspance, lacrime, alcol e love story. Un bel mix a mio parere davvero riuscito, mai pesante e assolutamente scorrevore.

TRAMA PERSONALE
La trama, dai marcati toni di giallo, non abbandona mai il lettore, si snoda tra i vari protagonisti e le loro storie di vita. Non viene infatti soppiantata dalle due storie d’amore che vi sono inserite, ma vi si amalgama senza troppi sforzi: un grosso punto a favore dell’autrice.
La storia tra Jane (produttrice cinematografica in erba che viene minacciata di morte per lo stare realizzando un film dalle marcate tematiche gay) e il suo bodygard (un seal in licenza che prende l’incarico di proteggerla insieme ad altri suoi compagni) è quella principale; forse un po’ banale, ma ben condita. Sullo sfondo invece troviamo il rapporto poco convenzionale di Robin e Jules, una relazione che intriga e incuriosisce anche più della principale, trasformandosi di pagina in pagina in aspettativa.

I personaggi sono decisamente ben delineati, e non solo quelli principali. Ognuno dimostra di essere studiato e costruito, ritagliandosi un proprio spazio nella trama. La Brockman cerca di dare a entrambe le storie elementi più profondi del classico “stare insieme”: Jane mostra di sé una maschera costruita per le telecamere cercando di cucirsela addosso, donna di coraggio e insicurezza che trova grazie a Cosmo (una via di mezzo tra un santo e terminator) la consapevolezza che si devono accettare le proprie debolezze invece che cercare di nasconderle. Tra Robin e Jules invece è a fare da padrone un messaggio di tolleranza e conoscenza di se stessi, una ricerca di ciò che si è che tal volta può scontrarsi con principi radicati e difficili da riconoscere.

Una lettura coinvolgente e dinamica, con colpi di scena e interessanti dettagli psicologici.

Troubleshooters

  1. The Unsung Hero
  2. The Defiant Hero
  3. Over the Edge
  4. Out of Control
  5. Into the Night
  6. Gone Too Far
  7. Flashpoint
  8. Ad Alto Rischio (Hot Target)
  9. Breaking Point
  10. Nel Cuore della Tormenta (Into the Storm)
  11. Force of Nature
  12. All Through the Night
  13. Into the Fire
  14. Dark of Night
  15. Hot Pursuit
  16. Breaking the Rules
Scrivi un commento

porta le tazzine nel tuo blog/sito

le tazzine di yoko

le tazzine di yoko

le tazzine di yoko

logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko
logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko logo di le tazzine di yoko

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi gli darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.


le immagini delle tazzine

...e dei dolciumi presenti all'inizio di ogni post sono fatte dalla sottoscritta o prese online e risistemate a photoshop per dargli un tocco personale. Molte vengono da Deviantart, ci tenevo a scriverlo in mancanza della possibilità di scrivere i nomi di tutti gli autori.

le amiche tazzine



banner la bella e il cavaliere su le tazzine di yokobanner romanticamente fantasy su le tazzine di yokobanner ombre angeliche su le tazzine di yokobanner reading at five o'clock su le tazzine di yokobanner dusty pages in wonderland su le tazzine di yokobanner della saga wolves su le tazzine di yokobanner de La sabbia delle streghe su le tazzine di yokobanner del blog due di cuori su le tazzine di yokobanner de il diario di teresa su le tazzine di yokobanner bottega editoriale  su le tazzine di yoko